“In grazia di Dio” per il Ciak d'oro 2014

  • Stampa

02-06-2014


 

Ciak d'oro è un premio per il cinema italiano, assegnato annualmente dalla rivista cinematografica Ciak, edita dal gruppo editoriale Mondadori.

Assegnati per categorie, da una giuria di critici e giornalisti di cinema, i Ciak d'oro  si aprono pure al voto dei lettori della rivista per "miglior film", "miglior regia", "miglior attore protagonista", "miglior attrice protagonista" e "miglior film straniero".

E’ Ciak d’oro 2014, martedì 3 giugno, a Roma sulla terrazza del Vittoriano. Candidato a due Ciak d’Oro, "In grazia di Dio" di Edoardo Winspeare: il film realizzato con il sostegno di Apulia Film Commission e con il contributo dell’Assessorato alle Politiche Agricole della Regione Puglia. 

Quattro donne le protagoniste del film ambientato nel nostro Salento. Per loro tempi duri di crisi : abbandonata la città, senza casa e pieni di debiti, la nuova vita è in comunità, in campagna.

Film a “km zero” per la partecipazione di sponsor locali del Salento e per l’ interpretazione  degli abitanti di Giuliano e Capo di Leuca, "In grazia di Dio"  è un'eccellente prova di improvvisazione a cura di Celeste Casciaro, moglie di Edoardo Winspeare, del pescatore di Tricase, della barista e dei contadini tutti.

In aura di Puglia e “In grazia di Dio” é la nomination al Ciak d’oro  2014 per Winspeare. Una storia piccola e semplice che contempla estasiata la complessità delle relazioni umane: il film più compiuto di Winspeare nella recensione My movies.

Il trailer