Gli stipendi dei docenti

26-12-2014


di Vladimiro Caliolo 

Dal conto annuale pubblicato dalla Ragioneria della stato si rileva che i lavoratori della scuola percepiscono uno stipendio medio di appena 29.468 euro, contro i 34.505 euro dei lavoratori della pubblica amministrazione. 

Quindi il gradino più basso spetta alla scuola. A fronte di questo risultato con “ la Buona Scuola” si pensa di ridurre ulteriormente il potere di acquisto dei lavoratori scolastici, sottraendo gli aumenti periodici di stipendio di anzianità, unica forma di avanzamento di carriera. 

I mancati rinnovi contrattuali, con il conseguente blocco degli stipendi ai valori del 2009 e la sospensione dell'indennità di vacanza contrattuale fino al 2018 danno hanno determinato il progressivo peggioramento della situazione stipendiale. Gli 80 euro assegnati per il 2014 ai lavoratori con reddito inferiore ai 25 mila euro annuo hanno interessato solo una piccola platea dei lavoratori della scuola.

Purtroppo, come spesso accade in questo paese la legge non è uguale per tutti.  Le forze di polizia ed equiparati insieme ai dipendenti della presidenza del consiglio percepiscono rispettivamente circa 10 mila e 30 mila euro in più rispetto alla media scolastica. 

Nel 2013, infine, ministeriali, i magistrati e i vigili del fuoco hanno beneficiato di un incremento medio stipendiale dello 0,6 - 07%. 

Al governo Renzi la Uil Scuola denuncia l’iniquo trattamento dei lavoratori della scuola e l’inadeguato percorso che si vuole tracciare con i decreti attuativi della “Buona Scuola”.  

Informazioni aggiuntive