Esame di Stato 2014/2015 - Materie e svolgimento della seconda prova

29-01-2015


In evidenza sul sito MIUR - in data 29 gennaio 2015, l' Individuazione delle materie oggetto della seconda prova scritta negli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio ordinari e sperimentali di istruzione secondaria di secondo grado - Scelta delle materie affidate ai commissari esterni delle commissioni - Anno scolastico 2014/2015

In allegato alla C.M. n. 1 del 29 gennaio 2015, le materie per licei, istituti tecnici e professionali, ESABAC e sperimentazioni, corso annuale nel sistema d' istruzione e formazione professionale nelle province autonome di Trento e Bolzano.

La mobilità e le immissioni in ruolo

26-01-2015

 

di Vladimiro Caliolo

L’immissione in ruolo dei 148 mila previsti dalla legge di stabilità 2015 comporta l’ individuazioni delle sedi da mettere a disposizioni dei futuri docenti. Secondo stime sindacali, per l’a. s. 2015/2016, si prevedono 68 mila posti in organico di diritto, rivenienti dai posti attualmente assegnati a tempo determinato, dai pensionamenti e dalle operazioni sull’organico di fatto. Ulteriori 80 mila posti determineranno il cosi detto organico funzionale.

Il piano di riforma la “Buona Scuola” prevede l’immissione in ruolo laddove si presentino le esigenze, indipendentemente dalla provincia di residenza.

Leggi tutto: La mobilità e le immissioni in ruolo

Lo stillicidio di informazioni del sottosegretario Faraone

23-01-2015


di Vladimiro Caliolo 

Il sottosegretario Faraone continua a fornire anticipazioni sui contenuti dei decreti  di riforma della scuola di prossima pubblicazione. In una intervista al quotidiano Sole 24 ore il sottosegretario all’Istruzione sottolinea come nella scuola «lo Stato abbia per molto tempo applicato il vecchio scambio della prima Repubblica: "basso stipendio, richieste minime", senza alcuna valorizzazione delle differenze». 

Ritiene che: “La carriera è un diritto degli insegnanti- tanto che- una parte significativa dei professori non si concepisce come mero esecutore di compiti, ma come professionista, progettista di percorsi formativi o come quadro che supporta il preside e la scuola”. 

Secondo “il riformatore” è giunto il” momento di cambiare visto che sono maturi i tempi per costruire percorsi di carriera per i professori” e ”l’omologazione e la mancata differenziazione del lavoro”.

Leggi tutto: Lo stillicidio di informazioni del sottosegretario Faraone

Piano di dimensionamento rete scolastica a.s.2015-2016 -Provincia di Brindisi

22-01-2015


Si riportano le uniche proposte delle scuole approvate dalla Regione Puglia: 

Primo ciclo

Leggi tutto: Piano di dimensionamento rete scolastica a.s.2015-2016 -Provincia di Brindisi

Il no della Corte Costituzionale al referendum

20-01-2015


di Vladimiro Caliolo 

“La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum relativa all’articolo 24 (Disposizioni in materia di trattamenti pensionistici) del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici)”. La sentenza, con le motivazioni della decisione, sarà depositata entro i termini previsti dalla legge. 

La Lega - sostenuta da Sel e Cgil - puntavano sulla cancellazione dell’art.24, (Riforma del sistema pensionistico), per ripristinare le vecchie norme attraverso l’istituto del referendum.

Sull’argomento sono intervenuti Cesare Damiano, Maurizio Sacconi, Matteo Salvini, Domenico Proietti per la UIL. 

Il presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano che ha dichiarato: "Al di là di questa decisione il tema previdenziale va comunque messo all'ordine del giorno dal governo. La situazione non è più reggibile per le conseguenze che la riforma Fornero ha prodotto,i n primo luogo, l'eccessivo innalzamento dell'età pensionabile, oltre i 67 anni, frena l'ingresso dei giovani nel mercato del lavoro".

Leggi tutto: Il no della Corte Costituzionale al referendum

Informazioni aggiuntive