“Estate felice” con Marquez

 

E’ l’augurio con l’invito alla lettura di uno dei Dodici racconti raminghi  di Gabriel García Márquez, lo scrittore che - reso muto dalla caducità fisica - continua a gridare il suo straordinario talento per voce di opere memorabili della narrativa moderna e contemporanea.

Scegliamo in un caldo pomeriggio “L’estate felice della signora Forbes” il cui incipit è saggio lirico dell’abilità descrittiva dell’autore colombiano, Premio Nobel 1982.

Leggi tutto: “Estate felice” con Marquez

L’invito alla lettura: Il cuoco del Papa

 

Il talento come l'inclinazione naturale ad eccellere in una attività è la fonte ispiratrice dell’originale romanzo di Ketty Magni ed  il talentuoso personaggio intorno al quale si snoda la narrazione è un cuoco la cui vocazione si fa  arte culinaria a  fascinare i potenti delle corti fino al cuore dello Stato della Chiesa.

Leggi tutto: L’invito alla lettura: Il cuoco del Papa

“Giorno d’estate”

 

Nell'ambito dell'opera di Irène Némirovsky, i cui romanzi sono stati tradotti e  pubblicati a firma Adelphi, alla Passigli Editori si deve il tesoro inedito dell'edizione integrale dei racconti, che concorrono alla visione suggestiva, nella  brevità, della sua narrativa.

Scegliamo in tempo d’estate , il suo  "Giorno d'estate" per  il talento raffinato e  corale di esplorare  l'animo umano con  lirica intensità. Semplice  il tessuto  narrativo  intorno ad un episodio  di  spenta felicità coniugale.

Ambientato in una grande villa di campagna posta nell’Île de France, la regione attorno a Parigi, il racconto - uno dei cinque dell’omonima  raccolta - si apre su una scena di compleanno: il quinto di Anne-Marie  intenta a giocare, in tutta apparenza  spensierata e solare come il giorno d’estate in un affresco d’autore:

“Aveva l’età in cui ci si solleva così poco da terra che ciò che si conosce di più al mondo è il colore della ghiaia, il profumo dell’erba e il disegno delle foglie. Che bella giornata!”

Leggi tutto: “Giorno d’estate”

Dire e fare per l'infanzia : “Il Regno di Op" di Paola Natalicchio

 

Si apre con una cicatrice sul cuore di un figlio, e ancor più su quello di una  madre per il dolore assoluto quanto l’amore  che lega la donna alla propria creatura, lo straordinario  racconto-verità  della giornalista Paola Natalicchio.

“Mio figlio ha due anni e una cicatrice sul cuore”. Ce lo svela, fuori da ogni metafora nell’urgenza del dire e del condividere,  la scrittrice  all’inizio del suo ispirato, sofferto  diario.

Leggi tutto: Dire e fare per l'infanzia : “Il Regno di Op" di Paola Natalicchio

“Il dolore perfetto” di Ugo Riccarelli

 

Non una novità editoriale, ma un sentito tributo alla scrittura raffinata e dolente di verità storica di Ugo Riccarelli, Premio Strega 2004 per “ Il dolore perfetto” di Mondadori Editore.

Sul finire dell' Ottocento, un giovane maestro,  "il maestro"  - mai appellato in una saga narrativa in cui invece i nomi contano per il destino storico ed epocale  ad essi associato - emigra da Sapri, cittadina teatro  del Risorgimento per una vita diversa nel paesino toscano di Colle . Scelta insolita la sua per prospettive tutt’altro che urbane di occupazione “ industrializzata”; scelta anarchica, nella contingente realtà storica e sociale alla ricerca  della  “ favola” di un cambiamento anelato e sospeso nel "dolore perfetto" del distacco:

Leggi tutto: “Il dolore perfetto” di Ugo Riccarelli

Informazioni aggiuntive