LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE SCOLASTICO

25-09-2013

di Vladimiro Caliolo

 

La nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2013 (DEF) presentata dal Presidente del Consiglio Letta e dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Saccomanni, in data 20 settembre, al capitolo V 10 – Scuola e capitale umano riporta: 

 “La valorizzazione del personale docente passa per la definizione di nuove modalità di sviluppo di carriera dei docenti stessi, con l’avvio di un sistema di valutazione delle prestazioni professionali collegato ad una progressione di carriera, svincolata dalla mera anzianità di servizio”. 

Una indicazione programmatica  inaccettabile. Il duo Letta-Saccomanni restituisce  in poche righe la propria idea in termini di valorizzazione della professione docente. Si pensa di abolire gli scatti di anzianità  e sostituirli con un sistema di valutazione delle prestazioni professionali. Ma come intendono valutare le prestazioni professionali? Con le prove Invalsi, con un concorso o facendo votare alunni e genitori? 

Leggi tutto: LA PROGRESSIONE DI CARRIERA DEL PERSONALE SCOLASTICO

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEI DOCENTI

14-09-2013

Editoriale a cura del segretario provinciale Vladimiro Caliolo

 


 

Il contratto di lavoro scuola 2006/2009 regola la formazione e l’aggiornamento del personale docente con gli art.65 e 66 che si riportano:

art 65 “Alle istituzioni scolastiche singole, in rete o consorziate, compete la programmazione delle iniziative di formazione, riferite anche ai contenuti disciplinari dell’insegnamento, funzionali al POF, individuate sia direttamente sia all’interno dell’offerta disponibile sul territorio, ferma restando la possibilità dell’autoaggiornamento”.

art.66 “In ogni istituzione scolastica ed educativa il Piano annuale delle attività di aggiornamento e formazione destinate ai docenti è deliberato dal Collegio dei docenti coerentemente con gli obiettivi e i tempi del POF, considerando anche esigenze ed opzioni individuali”.

Gli art. 65 e 66 non riscuotono il gradimento del ministro Carrozza, tanto che, con l’art.16 del decreto 104 del 12 settembre 2013, ha ritenuto necessario modificarli per via legislativa . Si introduce l’obbligatorietà di frequenza ai corsi di formazione, si attivano i corsi in particolare nelle zone in cui i test invasi risultano non soddisfacenti e si individuano anche le tematiche delle attività formative. 

Leggi tutto: FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DEI DOCENTI

Decreto Scuola: Riflessioni del giorno dopo

10-09-2013

di Vladimiro Caliolo

E’ commossa ed orgogliosa Maria Chiara Carrozza per essere il Ministro che ha riportato l'istruzione al centro dell'agenda politica ed è grata a tutto il Consiglio dei ministri che, nella giornata del 9 settembre 2013, ha dato prova collegiale di rilancio della pubblica istruzione italiana.

Tutta positiva  è la percezione sindacale, nell’impegno alla crescita del Lavoro, del risultato dell’ aumento dei posti di organico di diritto per gli insegnanti di sostegno, del piano triennale, delle assunzioni per il personale Ata.

Premesso che la  commozione del Ministro -  tra il nostro apprezzamento per alcuni inopinabili e fondanti passi avanti nella direzione lavoro  - non cancella l’imbarazzo etico e sociale per l’esclusione  dei “Quota 96”, ci ritroviamo con la lucidità del giorno dopo a ragionare sui "punti" di partenza. Tra welfare studentesco nell’accezione di servizi e wellness o benessere del docente, il rischio è la suggestione dell’informazione.

Leggi tutto: Decreto Scuola: Riflessioni del giorno dopo

“L’ISTRUZIONE RIPARTE”

09-09-2013


di Vladimiro Caliolo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, il 9/9/2013, un decreto legge dal titolo “L’Istruzione riparte”.  In sintesi, riportiamo alcune misure.

Per gli studenti:

Per gli studenti  universitari sono previsti 100 milioni aggiuntivi per le borse di studio a partire dal 2014 e per gli anni successivi, ma soprattutto la  notizia impagabile dell'abrogazione   del Bonus maturità.

15 milioni per gli studenti di primo e secondo grado, capaci e meritevoli ma privi di mezzi, destinatari di agevolazioni per spese di trasporto e ristorazione sulla base di graduatorie regionali;  15 milioni per la connettività in wireless delle scuole secondarie di primo e secondo grado; 6 milioni per borse di studio per studenti iscritti all’Alta formazione artistica, musicale e coreutica, per merito e bisogno secondo una graduatoria nazionale.

Leggi tutto: “L’ISTRUZIONE RIPARTE”

“Costellazione Crisi” tra IMU-IVA-CIG

06-09-2013

di Vladimiro Caliolo

Il Governo Letta nato sotto il segno “Costellazione Crisi” ascendente IMU-IVA-CIG dopo un travaglio rischioso e difficile ha partorito il decreto 102/2013 sull’abolizione dell’IMU sulla prima casa.

Nel  tracciarne la mappa politica, ricordiamo  che dopo l’insediamento  il Governo si è dovuto, immediatamente,  confrontare  con alcuni punti del programma presentato in parlamento  al momento della fiducia. Parliamo di IMU-IVA-CIG.

In esito a complicato studio per la ricerca di  risorse compensative ai mancati introiti derivanti dall’abolizione di IMU e  del blocco dell’Iva al 21%,  il decreto è stato accolto tra la pubblica percezione positiva.

Il testo del decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 Agosto 2013, presenta , tuttavia, alcuni aspetti non positivi per i contribuenti  titolari di polizze assicurative vita e infortuni, riduce la detrazione Irpef dei premi versati sulle polizze, con effetto già sul 2013.

Leggi tutto: “Costellazione Crisi” tra IMU-IVA-CIG

Informazioni aggiuntive