Sulle “tracce” d’esame 2013

14-06-2013


 

Alla caccia di indizi e orientamenti, nelle notti e nei giorni prima dell’Esame  di Stato, ci imbattiamo nell'intervista  di Skuola.net al  MiurMan Luciano Favini, Coordinatore Struttura Tecnica Esami di Stato, ex preside. Sua la dichiarazione dell’avvenuta scelta delle tracce  e l’indicazione  che "l’analisi del testo deve ricadere su un autore del ‘900 tra i più noti " di cui però viene selezionata un’opera poco conosciuta, per “favorire un contributo personale dello studente” nel delicato equilibrio valutativo  tra diligenza nello studio e autonoma capacità di interpretazione.

 

L’indicatore del "noto" risponde, con tutta evidenza, al criterio dell’  accessibilità per tutti gli indirizzi di studio  i cui programmi di italiano si diversificano  sotto l’aspetto dell’approfondimento letterario. E’ in ragione di questo orientamento che ad ogni singola traccia lavora una squadra composta da docenti delle scuole superiori, presidi e anche professori universitari, impegnati al ministero fin da Novembre per la traccia di Italiano,  con prime elaborazioni  nel mese di Febbraio. 

Al Ministro compete la a scelta  fra le proposte dei tecnici: “la legge stabilisce che si tratti di una competenza del Ministro”  rispetto a tracce “finite e scelte almeno un mese prima della Maturità” ribadisce Favini.

Intanto sul web circolano ipotesi sulle tracce: Ungaretti, Quasimodo e Montale per l'analisi del testo; per i saggi e gli articoli , le previsioni  puntano su anniversari e ricorrenze  2013 :  anno Europeo contro lo spreco,  30esimo anniversario di Internet , condizione femminile ed integrazione europea. Sostenibilità  ed inclusione le parole chiave 2013. 

La traccia di attualità non  dovrebbe essere troppo recente,  in considerazione della elaborazione avvenuta tra gennaio e febbraio, né troppo scottante  per scelte politically correct.

Non solo italiano…  le tracce d’ esame si allargano  alle altre discipline, matematica in primis.

Viene caldeggiata  la preparazione di un formulario di ripasso, ovviamente, che riassuma le principali funzioni e operatori: i.e le derivate, o gli integrali... Ed ancora esercizi, simulazioni, vecchie prove.

I suggerimenti operativi  impazzano sul web e  al riguardo abbiamo selezionato una buona prassi di video-lezione: ma sarà poi rassicurante? La matematica che passione!

 

 

 

 

 

Informazioni aggiuntive